catalogo

L’estremo delle cose

L’estremo delle cose

Giorgio Todde

L’estremo delle cose


Tascabili-Narrativa
2009

214 pp.



L'esperienza ha insegnato a Efisio Marini che il caso non esiste. Nello stesso giorno riceve due importanti missive: l'invito a Parigi di un illustre collega, affascinato dalla prospettiva di lavorare con lui per riportare alla vita ciò che vivo non è più, e l'annuncio della morte improvvisa e sospetta di un grande imbalsamatore viennese, sua vecchia conoscenza. Efisio accetta la proposta del francese, mentre a Vienna invia l'amico Pierluigi Dehonis, a raccogliere indizi su quella fine misteriosa. C'è infatti un legame tra quelle due lettere: il disegno di una mente folle che ucciderà più volte pur di portare a termine il proprio progetto. Efisio e Pierluigi, per scoprire la verità, dovranno seguire un inquietante percorso, in fondo al quale insieme al colpevole troveranno la risposta all'interrogativo più antico dell'uomo: che cosè davvero la vita? E dove finisce?



ISBN: 978-88-89801-75-8



Giorgio Todde vive e lavora a Cagliari. Esordisce nella narrativa con Lo stato delle anime (Il Maestrale 2001), il primo romanzo della serie che ha per protagonista l’imbalsamatore-detective Efisio Marini, poi proseguita con Paura e carne; L’occhiata letale; E quale amor non cambia; L’estremo delle cose (Il Maestrale/Frassinelli 2003; 2004; 2005; 2007). A questa serie, Todde affianca la scrittura di romanzi improntati a un noir metafisico ed esistenziale, pubblicati dal Maestrale: La matta bestialità (2002), Al caffè del silenzio (2007), Ero quel che sei (2010), e da Rizzoli in collaborazione con Il Maestrale: Lettera ultima (2013). Scrive anche su temi ambientali e urbanistici: Il Noce (Il Maestrale 2010). Molti dei suoi romanzi sono tradotti in Francia, Spagna, Germania, Olanda, Brasile, Russia.



top




top