catalogo

Il giorno qualunque - Una solitudine

Il giorno qualunque - Una solitudine


a cura di Ugo Collu

Prefazione di Maurizio Virdis

 

 

«Poeta della conoscenza metafisica potrebbe esser definito Vindice Satta, forse un poeta di quella linea montaliana propria di chi subisce gli scorni di chi crede/ che la realtà sia quella che si vede. Ma la poesia di Vindice Satta, più che un, montaliano, distante ragionare, è un’adesione coerente al dato sentimentale. Che non si fa mai però onda di piena. Non è, la sua, poesia dell’ineffabile, ma semmai poesia del limite. Un poetare cui è chiara l’insufficienza della parola: un pensiero nel varco dei momenti. Evidente è il debito che la scrittura poetica di Vindice Satta contrae con la poetica di Giuseppe Ungaretti: un procedere per frammenti; con versi brevi che spezzano la linea sintattica per scissione di dettatura interiore. Ma da Ungaretti Vindice pure diverge per concezione d’esistenza. Riguardo alla quale potremmo, forse, avvicinarlo a Montale. Perché Vindice è assai poeta del paradosso, del dubbio, e della perplessità più che della ungarettiana necessità di fede. Un poeta dalla forte soggettività fu Vindice Satta, ripiegato in sé, ma non arreso: e proprio perché, per parafrasare le sue stesse parole, egli ha avuto il coraggio di arrendersi.»

M. Virdis

 

«Certamente Vindice Satta interiorizza in modo esemplare la modernità più consapevole maturata con le tragiche esperienze del secolo scorso. Con un termine abusato si potrebbe definire un “postmoderno”, ma solo per indicare ciò da cui ci siamo dileguati. Non più la fiducia nella ragione, non l'abbandono alla religione. Una specie di pensiero debole (viviamo incompleti di vita e di morte) in cui ciò che conta è fuggire gli assoluti, accontentandosi dei nutrimenti terrestri, delle precarie consolazioni del quotidiano. La saggezza della navigazione a vista. Una saggezza che arditamente e senza ipocrisie non si stanca di squarciare i veli dell'apparenza per attingere oltre la superficie; anche a costo di smacchi e di sofferenza. Chi è allora Vindice Satta? Un uomo del limite; che non “tocca” il cielo, ma che sfugge l'abisso. Povero di verità e però colmo di poesia, di amore e di saggezza. Ciò che gli consente l'invocazione di una escatologia umile e laica: il sogno che “la porta d'oro” lo attenda. Socchiusa. E non per ‘entrarvi solo’.»

U. Collu

 



ISBN: 978-88-64290-154-3



Vindice Satta nasce a Nuoro il 17 giugno 1908 da Sebastiano Satta e da Clorinda Pattusi. Nato ad un anno dalla morte della sorellina Raimonda di appena 2 anni, il padre Sebastiano lo chiamò Vindice, quasi a sfida della sorte. Resta orfano del padre nel 1914, a soli 6 anni. Frequenta a Nuoro le scuole normali, si iscrive poi nel 1930 in Giurisprudenza all’Università di Sassari, dove si laurea nel 1934. Si trasferisce con la Madre Clorinda a Firenze per frequentare la Facoltà di Lettere, ma nel 1939 deve emigrare in Francia, dove insegna Lettere prima a Parigi e dopo a Roanne. Nel ’41 riprende gli studi a Firenze e si laurea in Lettere nel ’44. Si sposa con Brunetta Chirici da cui avrà i figli Massimo, Sebastiano e Raimonda, nata morta nel ’55. Nel 1945 viene nominato Viceprefetto di Pistoia e si stabilisce a Montecatini Terme. Qui vive fino al giorno del suo decesso che avviene il 19 febbraio del 1984, all’età di 75 anni. Volle essere sepolto a Nuoro dove ora riposa nel Cimitero di Sa ’e Manca con la sua dolce sposa Brunetta che, morta anche lei a 75 anni, lo ha seguito nel 1996.

Dell’opera poetica di Vindice Satta è uscita nel febbraio 1985 (Gianni Trois, Cagliari) la raccolta Parole a una donna bella, a cura di Ugo Collu, con introduzioni di Leandro Muoni, Mario Ciusa Romagna e del curatore; venne presentata il 9 aprile dello stesso anno presso l'Auditorium del Consorzio per la Pubblica Letture “Sebastiano Satta” di Nuoro, in forma di convegno i cui atti si pubblicarono per iniziativa del Consorzio nel 1987 (a cura di Ugo Collu e Angela M. Quaquero) nel volume intitolato La poesia negata (stampa: STEF, Nuoro).



top




top