catalogo

Sa laurera. Il lavoro contadino in Sardegna

Sa laurera. Il lavoro contadino in Sardegna


Laurera. Con questo termine dal sapore catalano si indica nella parte meridionale della Sardegna il complesso di conoscenze e operazioni necessarie a «raccogliere i frutti della terra». Fin dal titolo questo fondamentale saggio di Giulio Angioni sul lavoro contadino (prima edizione nel 1976) condensa il suo spirito e le sue intenzioni: la scelta della parola sarda è il contrassegno di un’operazione che muove dall’interno, dal basso. L’idea-guida forte de Sa laurera, che a distanza di quasi trent’anni dalla sua prima uscita a stampa resta contributo scientifico ineguagliato sull’argomento, è infatti quella di restituire una visione del «come i contadini vedono, pensano e rappresentano il proprio lavoro quotidiano», comprese le aspettative e le speranze a questo connesse, fino alle implicazioni estetiche. Su solide basi materialistiche e dialettiche, in sintonia con la migliore letteratura antropologica, il problema del lavoro viene inteso in tutta la sua verticalità sociale. Il risultato è quello di un quadro esaustivo delle tecniche contadine tradizionali che si rivela un viaggio di parole-cose in cui la documentazione prodotta si spinge costantemente oltre l’inventario, aldilà del «museo morto».



ISBN: 978-88-86109-69-7



Giulio Angioni (Guasila 1939 – Settimo San Pietro 2017). Antropologo (Università di Cagliari), narratore, poeta: scrittore totale, maestro per schiere di studiosi e capostipite fra altri della moderna narrativa sarda di respiro internazionale. Come poeta si rivela pubblicamente con Tempus (Cuec 2008) e Oremari (Il Maestrale 2013): poemetti bilingui, in sardo campidanese con versione italiana a fronte. Postuma esce questa grande raccolta delle poesie in italiano: Anninnora.

Fra le sue opere di narrativa nel catalogo Il Maestrale ricordiamo: L’oro di Fraus (1988, 2000), Il sale sulla ferita (1990, 2010, finalista Premio Viareggio 1990), Una ignota compagnia (1992, 2007, finalista Premio Viareggio 1992), Alba dei giorni bui (2005, 2009 - Premio Giuseppe Dessì 2005), La pelle intera (2007); Doppio cielo (2010), Sulla faccia della terra (Il Maestrale/Feltrinelli 2015, Premio Pozzale Luigi Russo 2015). Altri romanzi sono usciti per Sellerio, fra cui: Assandira (2004), Le fiamme di Toledo (2006, Premio Corrado Alvaro 2006, Premio Internazionale Mondello 2006). Della vasta produzione saggistica citiamo: Sa laurera: Il lavoro contadino in Sardegna (Edes 1976, Il Maestrale 2005), Il sapere della mano: saggi di antropologia del lavoro (Sellerio 1986), I pascoli erranti. Antropologia del pastore in Sardegna (Liguori 1989), Fare dire sentire. L’identico e il diverso nelle culture (Il Maestrale 2011).


top




top