catalogo

Lettere poetiche inedite - a Eugeniu Unale

Lettere poetiche inedite - a Eugeniu Unale

Peppinu Mereu

Lettere poetiche inedite - a Eugeniu Unale


Piccola collezione sarda di inediti e rari in edizione filologica
2011

112 pp.



Edizione critica di Giancarlo Porcu


Il libro offre l'edizione di due inedite lettere in versi che Peppinu Mereu scrisse nel 1895 all'amico Eugenio Unale, e di altrettante risposte dell'amico. Testi preziosi, oltre che per la loro rarita' e novita', per l'importanza che rivestono circa una migliore conoscenza della vita e dell'opera dell'autore di Nanneddu meu. Le lettere sono anche interessanti sotto il profilo linguistico e letterario, come illustra il ricco e puntuale commento del curatore Giancarlo Porcu, autore della traduzione italiana e degli apparati filologici in cui si esaminano i manoscritti originali.

ISBN: 978-88-6429-107-9



Giuseppe "Peppinu" Mereu nasce a Tonara il 14 gennaio 1872. Il padre Giuseppe, medico condotto del villaggio, riesce a dare a Peppinu e ai suoi fratelli quella cultura umanistica di base richiesta per l’avvio alle professioni liberali. Il prematuro decesso dei due genitori segna profondamente la vita del poeta che perfeziona da autodidatta la sua formazione senza completare alcun ciclo di studi. Nel 1891 entra nell’Arma dei carabinieri svolgendo servizio a Nuoro e a Osilo dove frequenta ambienti letterari scapigliati e gruppi politici di orientamento radicale e democratico. Nel 1895, accusato di furto, viene imprigionato e sottoposto a giudizio. Assolto dalle accuse viene congedato dall’Arma per infermità. Dotato di spirito caustico e di innate doti poetiche Mereu, evocando fatti ed episodi traumatici della storia dell’Isola e i valori civili che costituivano l’identità regionale, riuscì a emergere dalla folla dei poeti in lingua sarda. Nelle sue poesie, scritte in logudorese, egli sperimenta modelli e generi poetici diversi e mostra una grande padronanza stilistica. Povero, emarginato e sofferente per il diabete, il poeta morirà nel suo paese natio l’11 marzo del 1901. La considerazione e il rispetto con cui la critica letteraria ha accolto fin dalla sua pubblicazione (1899) l’unico volume di poesie di Mereu dà la misura del valore che l’opera del poeta tonarese aveva già assunto agli occhi dei contemporanei tanto da essere considerata tra i contributi più apprezzabili e significativi della poesia sarda.

top

Recensioni

25 gen 2012 - La Nuova Sardegna | Luciano Piras


24 dic 2011 - L'unione sarda | Graziano Fois


8 lug 2011 - Sardegna 24 | Giambernardo Piroddi

top



top